Storie di clienti

MAI PIU' MOTORI A SCOPPIO

Mi chiamo Paolo Vanzetto, e sono un assicuratore che, principalmente per lavoro, percorre parecchi km (circa 60.000 all'anno). Ho sempre avuto una passione per auto che fossero sportive, ma anche comode, visto che ci dovevo vivere gran parte della giornata. E specialmente, dovevano essere affidabili.

Ho guidato quasi sempre Audi e BMW, ma per quanto queste siano auto all'apice della tecnica, portano con loro tutta la complessità della meccanica dei motori a combustione interna, con una serie componenti soggetti ad usura e proni a cedere, prima o poi: ho perso il conto delle volte che la mia auto doveva rimanere in assistenza per problemi alla frizione, al cambio, al circuito dell'olio, al motore stesso...

Per questo, già sette anni fa ho cominciato a cercare seriamente un'alternativa al motore a combustione interna. E questa alternativa non poteva che essere il motore elettrico: affidabile, praticamente eterno, ed in grado di liberare l'auto da una serie di complessità meccaniche, come le marce, aumentandone quindi l'affidabilità.

Mancava però un'auto elettrica che fosse anche bella esteticamente, prestazionale, e specialmente che avesse un'autonomia adeguata alla mia percorrenza giornaliera, che può arrivare anche ad oltre 300 km percorsi senza fermate.

E' allora che ho cominciato a sentire parlare di Tesla, ed a seguire le prime consegne della Roadster in America.

C'erano anche altri player che iniziavano a proporre una loro alternativa per la mobilità elettrica, ma seguendo per un paio di anni i forum americani di chi la Roadster ce l'aveva già in mano, ho capito che era solo Tesla a riuscire a fare tutto nel modo corretto: estetica, performance, autonomia e, specialmente, affidabilità!



200.000 KM SU TESLA

Per questo, dopo un test drive intrapreso nel 2009 su di una Roadster, ho deciso di salire a bordo dell'avventura Tesla.

E, dopo 150.000 km percorsi con la Roadster, ed altri 50.000 km su di una Model S, non posso che dire una sola cosa: per me l'era del motore a scoppio è definitivamente tramontata!



USO GIORNALIERO

Mi sento spesso chiedere quanto tempo sia necessario per caricare l'auto completamente.

Questo tipo di domanda è un retaggio dei vecchi motori a scoppio, in cui si attende di essere quasi a "secco" di carburante, per perdere poi parecchio tempo a trovare un distributore di benzina conveniente (che spesso, poi, è anche il più trafficato), e là si perde ulteriore tempo a riempire il serbatoio, magari sporcandosi di benzina, per poi fare la fila a pagare e tornare a casa.

Con Tesla, questo per me è un ricordo vecchio più di cinque anni... Il tempo per fare il pieno è esattamente di DIECI SECONDI: la sera scendo dall'auto, inserisco la spina e me ne vado a letto.

E la mattina, ogni mattina, mi trovo il pieno, per di più ad un costo irrisorio viste le tariffe notturne per l'energia elettrica (tra i 10,00 ed i 15,00 Euro al massimo, che permettono 400 km di percorrenza reali su di un'auto con prestazioni da super-sportiva).

Un'altra cosa che mi fa sorridere è pensare all' "ansia di predersi per strada senza carburante".

L'ultima volta che l'ho provata, ironia della sorte, è stata a bordo di un veicolo con motore a scoppio: mi stavo trovando quasi al termine del serbatoio, ma un appuntamento urgente con un cliente mi impediva di "perdere tempo" per fermarmi ad un distributore di carburante.

Partendo ogni mattina con il pieno, questo non accade più...

LUNGHI VIAGGI FINALMENTE POSSIBILI ANCHE AD ENERGIA ELETTRICA!

Nel 2010, quando ho cominciato ad utilizzare come unica auto la Tesla Roadster, non avevo di certo problemi per gli spostamenti di tutti i giorni, in cui raramente superavo i 300 km di percorrenza.

Le volte in cui avevo la necessità di fare dei percorsi in auto più lunghi senza rientrare a casa mi hanno portato ad ingegnarmi, pur di non dover tornare al motore a scoppio.

Consumi ed usura a parte, infatti, il bello dei veicoli elettrici Tesla è che sono eccezionalmente più confortevoli anche dei migliori veicoli a scoppio per intraprendere lunghi viaggi, non dovendo pensare a cambiare le marce (ma senza i vuoti di coppia dati dai cambia automatici), e nemmeno a frenare (si riesce quasi sempre a fermarsi con il solo recupero energetico del motore)!

Per questo, inizialmente un po' dovevo pianificarmi il percorso: ma bastava anche solo chiedere all'hotel dove ci si doveva fermare la notte se fosse disponibile una semplice spina elettrica, per ripartire al mattino col pieno.

Oppure, arrivare in centro città, come a Milano, per trovarsi l'accesso consentito alle ZTL, e parcheggio con spina riservato per i soli veicoli elettrici!

Ma spostarsi, ora, è molto più semplice: grazie alla rete di SuperCharger che Tesla ha praticamente già installato su gran parte d'Europa è possibile veramente viaggiare come con un'auto a benzina: tappe di appena 30 minuti permettono di avere l'auto quasi carica al 100%, e per di più gratis. E tutto automaticamente calcolato dal navigatore interno dell'auto!



ESPERIENZA D'USO GLOBALE

Alla fin fine, quello che mi colpisce di più dei veicoli Tesla è di come, in così pochi anni di sviluppo, abbiano superato le qualità di guida di quelle che io consideravo le auto più confortevoli e performanti al mondo, le berline tedesche.

Un baricentro bassissimo dato dalla disposizione del pacco batterie che incolla l'auto al suolo; prestazioni mozzafiato con una coppia incredibile fin da 0 giri del motore; manutenzione praticamente assente (nemmeno i tagliandi sono richiesti, ma la garanzia per il motore e le batterie dura comunque 8 anni, senza limite di km!); aggiornamenti software continui che aumentano le funzionalità dell'auto anche dopo l'acquisto, gratis e senza doversi recare in officine specializzate; affidabilità elevatissima (pochi componenti soggetti ad usura significa poche probabilità di rottura), e, quando ce n'è bisogno, un'assistenza impeccabile (non serve nemmeno spostarsi da casa: l'auto comunica ai tecnici Tesla tutti i dati diagnostici, oltre alla posizione dove si trova).

E, incredibile ma vero, tutto questo in un veicolo che non consuma un goccio di benzina, con costi di manutenzione bassissimi (niente bollo, polizza assicurativa molto conveniente, niente tagliandi, durata prevista dell'auto superiore a qualunque altro veicolo), in grado nel tempo di abbassare notevolmente il prezzo di acquisto.

Per me, il motore a scoppio ha terminato la sua era cinque anni fa.

Da come vedo l'evoluzione del settore e, specialmente, di Tesla, l'era della mobilità elettrica inizierà per tutti in molto meno tempo di quel che si potrebbe pensare...

Condividi